Popular Posts

Categories

... have fun, it's music...

Archives

Loading...

Scrivici

RSS

Jang Senato in Concerto a Terracina

Diego Roma Filed Under: Etichette: , , , ,
Giovedì 30 giugno 2011 live@Rive Di Traiano - Terracina (LT)

Se questo è il tempo in cui si desidera stare nel sedile posteriore di un'auto con il finestrino abbassato per incassare vento a volontà sulla faccia mentre qualcun altro guida e ci porta in un posto lontano da casa, dall'inverno, dal lavoro. Ebbene, se voi siete quelli seduti dietro, dite al guidatore di alzare il volume quando, mentre solca qualche autostrada, infila il disco degli Jang Senato.

RESPIRARE by Jang Senato

Ma se poi invece, per lavoro o per vacanza, vi trovate a Terracina, allora meglio. Gli Jang Senato potete ascoltarli giovedì 30 giugno, alle Rive di Traiano, dove suoneranno dal vivo. Cosa aspettarsi? Un gran concerto, un collettivo di romagnoli il cui frontman (lo diciamo all'americana), Davide Gulmanelli, sfoggia una particolare "erre" moscia ma soprattutto un naturale talento a masticare poesia del quotidiano e melodie cristalline. Leggere, ironiche, mai banali.

Le garanzie. Ricordate Dente, nel 2009, a Terracina? Ecco, la raccomandazione è identica. Gli Jang Senato hanno un gran talento, vincono il Premio De André, il Premio Battisti, il Premio al Musicultura, e sanno di rivelazione un po' ovunque: Ondarock, al disco Lui ama me, lei ama te - 2011, dato alle stampe dall'etichetta Pippola Music (Brunori Sas, Beatrice Antolini, Dilaila), conferisce un bel "7", oltre agli osanna della recensione.

D'altronde, è pop, nella sua migliore accezione. Sono pezzi di esistenza loro, nostra e vostra che infilano la strada della melodia, del racconto. Quelle canzoni che ti aprono paesaggi, immagini, ricordi, perché sono facili e difficili a un tempo. Sono delle sciarade da interpretare. Aprite il finestrino, fateli entrare, non deluderanno.

Giovedì 30 giugno
Rive Di Traiano
Open door (pre concert) h 21,00
Ingresso gratuito

Myspace
Official Site
Pippola Music

Veronica Falls - Beachy Head

Diego Roma Filed Under: Etichette: , , ,

Country: UK
Ep: Beachy Head (2011)
Genre: Lo-Fi/Pop
Video: Found Love in The Graveyard



Official site
Myspace

Dreamers Of The Ghetto

Diego Roma Filed Under: Etichette: , , , ,
Tutti i "ghetti" della musica americana in 8 tracce


"Siamo una band. I nostri sogni corrono senza controllo, il nostro viaggio è senza fine. Con una storia d'amore nel nostro cuore e il fuoco nelle nostre viscere che incitano amore e violenza negli ascoltatori. Siamo le sirene nelle vostre orecchie. Benvenuti nel nostro mondo".

Così si presenta quest'accolita di sognatori vecchio stampo, che autoproducono un album omonimo solcato da 8 tracce decisamente indifferenti alle sofisticate procedure richieste dal "passo coi tempi". I Dreamers Of The Ghetto mutuano il loro nome da un vecchio libro di fine Ottocento di Israel Zangwill, scrittore inglese che racconta l'importanza del ghetto ebraico per la sopravvivenza della cultura giudaista. 

Se qui si vuole dunque difendere qualcosa, allora ci pare che si tratti di un'ispirazione fuori dal comune, urgenza che si intaglia a tratti col il rock ruvido, a tratti con il soul corale, la black music e addirittura col gospel. E' l'America, insomma, la cui musica è un miscuglio di tanti "ghetti", che nonostante tutto restano vivi. 

Coraggiosi oltremodo dunque Jonathan Jones (chitarra, synth e beat, voce), Luke Jones (voce, basso, synth e beat), Lauren Jones (synth & beats, voce, MA SONO UNA FAMIGLIA?) e Marty Sprowles (tamburi, "tuoni e fulmini", si legge). Il loro "self-released" album sa far sognare usando la materia prima della musica: basso, batteri(e), chitarra, qualche synth. E di questi tempi è un pregio.


Official Listening
Facebook

Kitchie Kitchie Ki Me O - Kitchie Kitchie Ki Me O

Diego Roma Filed Under: Etichette: , , ,

In questo periodo ci stiamo facendo perecchio i cazzi nostri, lasciando anche troppo spazio alle cose serie rispetto alle favolose minchiate per cui vale la pena di vivere. E allora questa volta non ci possiamo esimere. Questo esperimento viene dal nord e però snobba del nord tutto quello che di freddo, siderale, etereo lo rappresenta.

L'album di debutto dei norvegesi Kitchie Kitchie Ki Me O, sa di film. Su Internet l'album, in uscita a giugno, si presenta con dei teaser che rievocano il più inquietante Grande schermo. Ma intanto qui un assaggio del live:


Next.Single teaser from Kitchie Kitchie Ki Me O on Vimeo.

I San Tommaso della musica possono approfondire anche qui, sbagliamo se parliamo di un melange di progressive, soul, atmosfere groove, rock e melodia che supera i cofini? I sette norvegesi, tutti provenienti da altre band (Madrugada/My Midnight Creeps/Ricochets), imbracciano percussioni, sassofoni, chitarre, e ci danno sotto, nel segno dell'indistinguibile. Conviene lasciare spazio agli occhi ma anche alle orecchie.

01 Next by Kitchie Kitchie Ki Me O

In Norvegia sono attesissimi. Il disco è un'antologia.

Via Impactus
Official: http://www.kitchiekitchiekimeo.com/